VIAGGI INVERNO: RITORNA LA FIDUCIA SUL KENYA


C’è un ritorno di fiducia verso il Kenya, da parte del mercato e da parte delle adv. Sul Paese ora vige uno stato di attesa in vista delle nuove elezioni presidenziali che si terranno il 17 ottobre, dopo che la Corte suprema il 1 settembre ha annullato le precedenti consultazioni dell’8 agosto per irregolarità. Anche il versante del tour operating è in attesa, ma si dichiara positivo verso la destinazione. Prova ne sono gli investimenti in atto e l’incremento di impegni in termini di posti volo e camere, in particolare in vista del Capodanno, che sta già dando i suoi frutti.
I numeri sono buoni, così come per linverno, sebbene sia presto per parlarne, i t.o. che programmano il Paese, dicono che “i primi segnali sono positivi”. Dati alla mano, c’è chi rileva “a livello di gruppi una forte domanda” e chi registra “un aumento del 30%, soprattutto per le richieste di safari”, seppur si sia “ancora lontani dai numeri di 10 anni fa”.
A giovare alla destinazione “il ripristino annunciato di rotte di linea storiche come la Francoforte-Nairobi di Lufthansa, la Parigi-Nairobi di Air France, ma anche della Milano-Addis Ababa-Mombasa di Ethiopian e Istanbul-Mombasa di Turkish Airlines”, afferma a Guida Viaggi Leonardo Patacconi, amministratore unico di Condor, il che sta a dimostrare che il Paese “è al centro di un interesse internazionale non solo di business, ma anche turistico”. Inoltre, “con il ritorno alle operazioni Africa da parte di Blue Panorama, tutti i vettori leisure includeranno Mombasa nel planning invernale. Si tratta di un numero interessante di servizi settimanali garantiti dai singoli vettori; l’auspicio è che i flussi possano consolidarsi permettendo l’aumento di servizi diretti point-to-point dall’Italia al Kenya, senza doppi scali in origine o destinazione che penalizzano il pacchetto in termini di costi e di percezione della qualità dell’esperienza di viaggio”. Inoltre, dal prossimo inverno, ci sarà un collegamento settimanale Neos sulla direttrice Milano-Zanzibar-Mombasa con il nuovo B787-900 atteso dal mercato.
C’è però la consapevolezza di ciò di cui necessita il Paese. Uno su tutti è il progetto di espansione dell’aeroporto di Malindi, tanto atteso dal fronte dei t.o. La destinazione avrebbe bisogno anche “di maggiori investimenti da parte delle autorità e dell’ente del Turismo per rilanciare definitivamente la meta e confermare la stabilità del Paese”. C’è chi sposta l’attenzione sulla necessità di investimenti dedicati a “infrastrutture come viabilità, corrente elettrica, senza tralasciare la stabilità”. Tema, quest’ultimo, caro a tutti.
(FONTE: GUIDAVIAGGI.IT)

About The Author: Redazione

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *